Angelica loredana Anton scrittrice, sceneggiatrice, modella e attrice

Angelica è una scrittrice, sceneggiatrice, modella  e attrice di origine romena. Da bambina era sensibile, giocherellona, curiosa, con tanta voglia di apprendere, si comportava come se vivesse in un mondo incantato e all’età di sei anni  cominciò a sviluppare la sua prima passione per la scrittura. A dieci anni, come tante ragazzine della sua età,  iniziò ad annotare  i suoi pensieri  su un diario personale, dopo un po’ capì che questo non le bastava più ed iniziò ad apprezzare  le poesie, inventare storie e scrivere racconti. All’età di 17 anni Angelica iniziò a scrivere due romanzi, uno di fantascienza e un’altro d’amore, che sfortunatamente poi distrusse. Una volta trasferitasi in Italia con la famiglia, Angelica, dal momento che intendeva fare esperienza nel campo artistico, cominciò a sfilare nelle passerelle di moda come fotomodella, così ebbe modo di partecipare ai vari Concorsi: “una ragazza per il cinema” “Miss Moda Domani” “Miss bella d’Italia” e “Un volto per lo spettacolo”. In queste sue prime esibizioni, conquistò fasce e corone, che le consentirono di essere segnalata a compiere il salto nel grande cinema. Angelica debuttò come co-protagonista nel film “le ragazze di Mario” dove ebbe modo di lavorare a fianco della bravissima Tosca d’Aquino. Oggi Angelica Loredana Anton è una donna matura e consapevole delle proprie capacità. Recentemente l’abbiamo incontrata il 9 agosto scorso, presso il  Domus Park di Frascati, in occasione della festa della bellezza e della moda, per festeggiare la finale di “MISS ROMA CAPITALE 2020 ″. dove Angelica Loredana Anton era la madrina della manifestazione e lei gentilmente ci ha concesso una interessante intervista, al fine di conoscerla meglio.

Angelica quando hai iniziato ad avere interessi culturali artististici?

Fin da piccola ho sempre mostrato passione per l’arte e per la letteratura. Inizialmente il mio sogno non era quello di diventare un attrice, poichè la ritenevo una cosa eccessiva, ma nei nostri giochi di allora, mi piaceva imitarne il ruolo. Da giovanissima ero piuttosto timida, per cui a quei tempi mi limitavo a recitare solo tra amici Le mie prime esperienze nel mondo dello spettacolo risalgono al 2015 quando iniziai ad esibirmi nelle sfilate di moda. Questa  opportunità aiutò a sviluppare il mio carattere e la mia autostima. Con il passare del tempo, ho cercato di mostrare le mie differenti abilità artistiche, e con pazienza, negli anni, credo di essserci riuscita.

Tra i diversi ruoli  che interpreti, di scrittrice, sceneggiatrice, modella e attrice, qualE preferisci?

Tutte queste passioni un po’ si collegano fra loro, perché partendo dalla scrittura ho sempre cercato di creare le sceneggiature  adeguate al film che si dovevano girare. L’ultimo ruolo dove intendo perfezionarmi è quello dell’attrice Mio desiderio in un prossimo futuro è quello di di recitare in ruoli sempre più impegnativi, anche se nei primi tempi, ho accettato ruoli semplici. pur di fare esperienza. Attualmente mi ritrovo in una fase in cui intendo sfidare me stessa,  perché voglio mostrare al pubblico l’altra parte di me. Io comunque, coltivo anche altre passioni, quali il ballo e l’apprendimento di nuove lingue.

Angelica sei  originaria della Romania, ma sono tanti anni che vivi in Italia?

Sono nata a Iasi, che è considerata una delle più belle città della Romania e a 19 anni mi trasferii in Italia con tutta la famiglia. Attualmente vivo a Roma con mio marito, il produttore cinematografico e giornalista Gennaro Ruggiero, in compagnia del nostro piccolo William

Se non si sogna vuol dire che non si hanno obiettivi, Angelica hai ancora delle esigenze da soddisfare?

Mio desiderio principale è sempre stato quello di fare la scrittrice, un altro sogno era quello di arrivare a fare la cantante,  ho del talento in questo senso, ma sono stata frenata in questo mio desiderio dai miei problemi  di tonsille. Adesso mi sto impegnando come attrice e scrittrice, una buona trama di un film arriva attraverso l’idea e la narrativa di uno scrittore. Probabilmente il grande pubblico non ci fa caso, ma un film interessante nasce dall’idea di uno scrittore e di uno sceneggiatore.

Angelica che titoli accademici hai conseguito?

Ne ho ottenuto diversi: il Dottorato in Scienze della Comunicazione in Svizzera, il Master in Letteratura Comparata, vari corsi in Psicologia e la certificazione di Ballerina del Consiglio Internazionale della Danza dell’UNESCO.

Ci puoi ricordare alcuni tuoi film dove hai partecipato?

Ho iniziato con” le ragazze di Mario”, un film cortometraggio di Cinzia Mirabella dove ho condiviso le scene con la bravissima Tosca d’Aquino, Arduino Speranza, Gianluca Magni ed altri ancora. Poi vorrei ricordare “la favola di Martina e Francesco”, dove è narrata la vicenda di una modella che si innamora di un produttore, ma questi poi si ammala e diventa un amore impossibile. Mi è piaciuto molto anche “l’ombra di Satana” un thriller fantastico, dove ho recitato da protagonista. E’ la storia di una ragazza che è curiosa di scoprire cosa c’è dietro le sette Sataniche e si ritrova in una brutta situazione, perché alla fine  i seguaci della la setta la vogliono uccidere

LE SETTE SATANICHE, ANGELICA, SONO UNA REALTÀ CHE PER MOLTI È SCONOSCIUTA, COSA NE PENSI DEL FENOMENO?

Non può essere considerata una ideologia qualsiasi, uno può credere in Dio o non credere e credere invece nel diavolo, ma quello che condanno assolutamente è la capacità di queste sette di fare del  male. Non è umano nel momento di fare sacrifici, stuprare, violentare, fare traffico di organi, ecc. Così come non è normale sacrificare una persona e tagliarla a pezzettini. Sono a mio parere dei sadici.

Invece nel campo della narrativa, ci puoi ricordare alcuni tuoi libri?

Attraverso mio marito che è anche editore, Gennaro Ruggiero, sono riuscita a scrivere il mio primo volume, denominato “Storia dell’amore”, dove si trovano tante poesie d’amore. Poi ho scritto un secondo libro dal titolo “Aforismi pensieri”. Il terzo libro è invece un romanzo, “Perché ti amo”, da cui è stato tratto anche il film che è stato girato a Forte dei marmi. Questa storia narra la realtà dei giovani del nostro tempo, nelle problematiche di cuore, c’è chi si innamora e chi invece si comporta scorrettamente nel voler sottrarre il fidanzato ad un’altra. La droga che gira tra i ragazzi, diventa poi intrigante, quando si vanno a narrare scene raccapriccianti che colpiscono, nell’ambito dei tempi che viviamo. Le vicende del film si svolgono in una palestra, dove è in funzione un corso di danza latino americana.

Questi racconti sono tratti dalla tua fantasia o sono alquanto realistici?

Alcune  storie  le traggo dalla mia fantasia, ma altre, seppure create con immaginazione, fanno parte della vita reale di tutti i giorni. Anche la vicenda sentimentale, mia personale che ho vissuto nel passato, è stata un’esperienza negativa Poi ho scoperto che dalla mia vicenda è stato tratto il film “La storia dell’amore”.e sono rimasta meravigliata perché le situazioni erano simili alle mie.

Puoi raccontare quello che ti é successo personalmente?

La mia è stata una storia complicata, un amore morboso, malato. Ho avuto a che fare con uno psicopatico, ero molto giovane e di queste situazioni non conoscevo neanche l’esistenza. La sua frase ricorrente della quale oggi penso di fare un cortometraggio era questa: “io ti devo insegnare ad essere donna”. Ed è una frase che ha un significato molto profondo.

Cosa ti piacerebbe realizzare, che non hai fatto ancora?

Sono abbastanza soddisfatta di tutte le attività che ho realizzato fino a questo momento, ma mi piacerebbe un giorno scrivere il romanzo della mia vita e di seguito un film.

Quali sono i tuoi PROSSIMI progetti futuri Angelica?

E’ mia intenzione impegnarmi in futuro per affrontare interpretazioni maggiormente impegnative e drammatiche. Già abbiamo in progetto con mio marito Gennaro, di portare a termine un remake, una revisione del film che fece Anna Magnani  dal titolo “una voce umana” Tra i vari progetti, in futuro c’è anche quello di realizzare il film “le ultime notti bianche di un sognatore” che è il rimake delle “notti bianche” di Luchino Visconti, con Marcello Mastroianni. Questo film lo reciterò con Gianluca Magni ed è un film rivisitato in chiave  moderna e in chiave visionaria, con una serie di immagini Felliniane

Grazie Angelica e in bocca al lupo per il prosieguo della tua carriera

Rino R. Sortino