Ricordo a Frida Khalo dell’Associazione Orchidea Latina

LA SCRITTRICE PONTINA ASSUNTA GNEO CHE HA PARTECIPATO ALL’EVENTO LETTERARIO PRESSO LA SALA MITREO A ROMA ESPRIME LE SUE CONSIDERAZIONI

Il 1 Agosto scorso si è svolta a Roma, presso la Sala Mitreo- (Arte Contemporanea) una rassegna culturale dedicata a FRIDA KHALO organizzato dalla presidente dell’Associazione Orchidea Latina APS Cecilia Salaices. FRIDA KHALO è stata una grande pittrice messicana, che trasmise la sua arte intrisa di sofferenze a seguito del suo vissuto colmo di passioni e profonda tristezza, il tutto come conseguenza della sua tormentata vita amorosa. Nel convegno di Roma dove si respirava un aria culturale particolare, si invitavano gli scrittori ad esprimere delle riflessioni tramite poesie, ( riferite all’ artista messicana prematuramente scomparsa) che poi  sono state raccolte nell’Antologia Frida. Noi di Latina Flash, siamo riusciti ad avere delle interessanti considerazion dalla scrittrice pontina Dott. Assunta Gneo che ha partecipato come protagonista all’evento legato alla manifestazione letteraria .

Assunta, noi ci conosciamo da alcuni anni, conosco il tuo valore di scrittrice, chi meglio di te può descrivere le tue sensazioni del pomeriggio trascorso presso la sala Mitreo?

Sabato 1 Agosto  noi scrittori abbiamo avuto l’onore di partecipare ad un evento organizzato dall’Associazione Culturale Orchidea Latina inerente” l’ Antologia di Frida” al fine di mantenere vivo il ricordo della grande artista. La poesia che ho scritto, mi è venuta di getto e pertanto l’ho presentata nell’occasione di  questa rassegna. Ricordo che quando scrissi quei versi mi sono immedesimata in quello che era il personaggio di Frida, che come sappiamo visse negli anni 20 del 1900. Purtroppo Frida Khalo visse  una vita travagliata dal momento che stava proprio male fisicamente, in quanto ebbe un incidente che le comportò seri problemi fisici. Leggendo la sua biografia, sono venuto a conoscenza di una spina bifida che in quegli anni la medicina non  era in grado di curare come invece avviene oggi. Frida ebbe anche dispiaceri di tipo affettivo,  come il tradimento di suo marito verso sua sorella, quindi proprio per tutti quei dispiaceri, l’ho sentita vicino a me e mi sono sentita di scrivere anche io un testo.  Nelle sue sofferenze ho rivisto quelle che ho patito anch’io nella mia vita, che non è stata proprio facile.  Devo dire però che le esperienze anche quelle negative a volte ti arricchiscono e ti danno quella spinta necessaria per lottare di più. Si tratta in questi casi, di una rivalsa personale..

Per ritornare alla manifestazione letteraria, sei stata gratificata dai versi che hai sritto nell’occasione?

Si c’è stata una critica d’arte, di fama nazionale, la Sig.ra Cinzia Baldazzi che ho avuto il piacere di conoscere recentemente, che mi ha fatto degli elogi che ho veramente gradito. Ha riportato un pezzettino della mia poesia cercando di evidenziare proprio le considerazioni importanti che intendevo esprimere. Ha detto che ha constatato come mi sono veramente immedesimata nel personaggio, ed ha compreso quello volevo intendere. Per questa ragione ha posto il mio testo per primo nell’Antologia Frida, perché secondo lei avevo raffigurato al meglio il personaggio Frida Khalo. Pertanto sfogliare l’antologia e trovarmi in prima linea, la ritengo sicuramente una grande soddisfazione

Io ero presente e sono stato testimone che è stata veramente un bel pomeriggio  culturale quello trascorso alla sala Mitreo. Si è avuta l’opportunità di ascoltare le opere di artisti veramente all’altezza della situazione. Vuoi aggiungere qualche altra cosa della manifestazione?

Si, la mia impressione è che gli artisti presenti si sono rivelati tutti bravi, dal cantante che ha intonato un bellissimo pezzo musicale a tutti i Poeti che hanno recitato i loro versi. Inoltre, bisogna considerare che a causa del momento attuale e di quello che ancora dovremmo trascorrere in quarantena, non si possono fare gli eventi proprio come sarebbe opportuno . In ogni caso, nella rassegna di Roma, ho visto che c’era il distanziamento delle sedie, quindi si è mantenuta la distanza di sicurezza tra le persone. Capisco pertanto il sacrificio e l’impegno  che ha profuso l’Associazione “Orchidea Latina” nell’ organizzare questo evento, perché non è facile farlo in questo momento. Io posso affermare di essere stata bene e sono contenta di aver partecipato, perché ho pensato che finalmente dopo tre mesi,  si stava facendo qualcosa di interessante. E’ importante in ogni caso, fare qualcosa che piace, perché ricordiamo sempre, dietro al libro e alla poesia c’è la passione, che è il  motore di ogni cosa, altrimenti non si riesce a far nulla.

Grazie dott.sa Assunta Gneo

Rino R. Sortino