angelo rallo e le sue campagne di sensibilizzazione

Le campagne di sensibilizzazione hanno un enorme potenziale di impatto sull’opinione pubblica, in quanto tentano di innescare un cambiamento che in tanti auspicano. Attraverso quest’opera di sensibilizzazione si possono generare nuove conoscenze e giusti atteggiamenti individuali, al fine di creare nuove mentalità. Le campagne di informazione, oltre a creare nuove consapevolezze riguardo questioni ignorate da lungo tempo, possono sollecitare i politici ad affrontare i temi in questione, in modo da mettere in atto le opportune decisioni. Il manager Angelo Rallo da anni si prodiga a favore di progetti che interessano la società nelle sue diverse problematiche. Nato a Trapani, Angelo Rallo utilizza l’arte in favore dei diritti umani e civili. Per conoscerlo più da vicino, lo abbiamo intervistato a Fiuggi in occasione della manifestazione “Emozioni Live” (Premio in onore a Lucio Battisti).

Angelo Rallo, lei come manager di grande qualità intende evidenziare i temi che affliggono la nostra società, vero?

Si, attualmente sto portando avanti tre campagne di sensibilizzazione, una sulla guida sicura a dedicata alle vittime della strada, poi quella sull’abbandono e sul maltrattamento agli animali e infine quella contro le violenze alle donne.

Cosa la spinge ad occuparsi in prima persona di queste gravose problematiche?


Sono cresciuto in una famiglia di contadini che ha sempre valorizzato gli onesti principi. Ho iniziato ad impegnarmi per il sociale da quando mia figlia ebbe un incidente stradale da cui riuscì a salvarsi. Da quel giorno presi l’abitudine a dedicarmi alle campagne di sensibilizzazione e quando mi invitano, intervengo agli eventi culturali e artistici, oppure espongo semplicemente i miei manifesti nelle piazze, nei locali e nelle discoteche. Ho preso parte a manifestazioni in varie città in Italia tra le quali, Roma, Milano, Padova, Venezia, e precedentemente al periodo del Covid, sono stato anche al Festival del Cinema.

Qual’è il suo giudizio inerente queste importanti tematiche?

Normalmente si fa poco in Italia per coloro che soffrono , la donna ci da la vita e noi gliela togliamo in modo barbaro, assurdo e indefinibile. La campagna di sensibilizzazione sulla guida sicura,  nasce dal proposito che spesso ci si dimentica che quando si è al volante di una automobile si trascura il fatto che se non si guida con attenzione, la vettura potrebbe cagionare un incidente oltre che al conducente, anche agli altri. Basta un attimo di distrazione e può terminare una vita umana, pertanto io ricordo alla fine dei miei interventi, che la vita si deve godere e non si deve disperdere. Nei riguardi della terza campagna, quella a salvaguardia degli animali, vorrei precisare che nonostante in tanti professino di amare gli animali, a volte li ritroviamo abbandonati per strada. Eppure è notorio che l’animale non è un giocattolo, ma un essere vivente, del quale è necessario accudirlo con cura. Io porto avanti da anni la “campagna contro l’abbandono e il maltrattamento sugli animali”, dove ho il sostegno di tanti importanti personaggi, vorrei citare la cantante Tiziana Rivale, il leader del gruppo dei Dik Dik Pietruccio Montalbetti, il pittore Josè Dalì, la ex presentatrice  Maria Giovanna Elmi, il maestro Franco Micalizzi, il chitarrista dei Camaleonti Valerio Veronesi e tanti altri artisti nazionali. Colgo l’occasione inoltre, per ringraziare la violinista Helena Romanova, Marzia Sedoc e Marianna Pignatelli persone che si sono dimostrate sempre sensibili e partecipative.

Le tragiche cronache di tutti i giorni ci raccontano di uomini che trattano la donna  rivelando un ingiustificato senso di possesso, non crede?

Si, ha fatto bene a citare il termine possesso, quando noi come esseri umani non possediamo neanche la nostra vita, dal momento che io nell’attimo in cui sto parlando, tra un minuto, Dio o chi per lui, potrebbe togliermela. In realtà se tu come uomo non riesci a spogliare la mente di una donna, difficilmente riuscirai a spogliare il suo corpo, lo puoi solo comprare. La violenza alle donne è astrusa e mostruosa, quando invece in qualsiasi rapporto a due basta chiarirsi e se non si va d’accordo ci si lascia con un saluto ed è finita.Queste campagne di sensibilizzazione sono assolutamente necessarie in quanto ritengo che tutti dobbiamo fare qualcosa per tenere sempre in mente le attuali problematiche. La vita è un bene prezioso e  la situazione del Covid ci ha dimostrato che basta un niente per cambiarci la vita!  

Grazie Angelo Rallo

Rino R. Sortino